Home Page del Comune Clicca per approfondimenti

Clicca per visualizzare la guida alla navigazione
 
 

TERRITORIO

 

in evidenza

 

Risorse

 

 
Sei in: - STORIA - Cenni Storici

Cenni Storici
Testi a cura del Prof. Angelo Melchiorre  maggiori info autore
Panorama di OpiNOME: Forse derivante da Opsci, grecamente Opici, da un op-(conca) (G. Alessio-M. De Giovanni). La storia medievale e moderna di Opi si intreccia con quella della vicina Pescasseroli. Appartenenti entrambe all'Abruzzo Citeriore (insieme con Ortona dei marsi e Carrito), a differenza di tutte le altre localitá della Marsica; entrambe coinvolte nelle vicende delle famiglie dei Sangro, dei D'Aquino, dei d'Avalos; l'una e l'altra, centri preminenti di una zona (quella delle sorgenti del Sangro) quasi esclusivamente legata all'economia boschiva e pastorale, solo in rare occasioni vedono diversificarsi i loro destini.
Finito il dominio dei D'Avalos, Opi passa sotto il controllo di altre potenti famiglie, come gli Sparmo, i Cimini, i Cappelli, i Nardillo, gli Orazi, i Notarmuzio (Cfr. Relazione storica su Opi, dattiloscr. a cura della Coop. "S. Leonardo", Avezzano 1981).
  
Nel 1737 il feudo di Opi viene ereditato dalla baronessa Margherita Paolone e negli ultimi decenni del secolo dalla baronessa Maria Maddalena Parente, signora di Scanno. Nel 1813, con la nuova legislazione murattiana, Opi si trova unita a Pescasseroli, da cui si staccherà solo in epoca successiva.
Negli ultimi decenni dell'Ottocento e nei primi del Novecento, la costruzione della rotabile Barrea-Opi-Pescasseroli-Gioia risolve, in parte, il secolare isolamento della zona.
 
 
Sei in: - STORIA - Cenni Storici

Territorio

 
 


Team sviluppatori
| Grafica e Redazione | Copyright